Parrocchia di Cerea
comunità parrocchiale di cerea
San Zeno in Santa Maria Assunta
 
 
Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
 

Nell’abbraccio dalle meravigliose montagne del Cadore, tra sole ed improvvisi acquazzoni, ha avuto luogo nella settimana a cavallo tra luglio ed agosto (26 luglio – 2 agosto) il camposcuola zonale adolescenti 2014. Protagonisti di questa vivace settimana sono stati gli adolescenti nati nel 1999-2000, dalle parrocchie di Cerea-Cherubine e Casaleone, accompagnati da un buon gruppo di animatori e con l’utile guida di vari sacerdoti, tra i quali Don Zeno e Don Giulio.

La casa che ci ha ospitati si trova a San Vito di Cadore: il mondo della montagna poteva respirarsi perfettamente sia all’esterno, con un paesaggio mozzafiato ed un fresco ruscello nel bosco, sia all’interno dell’edificio, arredato secondo la tradizione locale con figure animali e arredi decorati in legno.

Temi centrali della proposta formativa per i ragazzi, che noi animatori ed i sacerdoti ci siamo impegnati a dibattere e trasmettere, erano la figura di Cristo nella sua umanità e la Chiesa tra i dubbi e le “strettezze” che potrebbe far vivere, in particolare agli adolescenti del giorno d’oggi. Divisi in piccoli gruppi di 8-9 componenti e guidati dagli animatori, gli adolescenti hanno potuto immergersi in momenti di confronto e discussione: grande importanza è stata data allo spronarli ad esternare tutte le loro domande e perplessità per quanto concerne la Fede, cercando da parte nostra di dare quante più risposte possibili nel poco tempo a disposizione. Alla fine dei lavori siamo rimasti soddisfatti per la serietà e l’interesse che i ragazzi hanno dimostrato nel trattare argomenti difficili e di certo non usuali, con attenzione e voglia di capire. Come di consuetudine, ai momenti di attività si sono alternati tempi dedicati al gioco: tornei di calcio e pallavolo (nonostante il maltempo!), giochi di cultura e l’immancabile gioco notturno.

Nel corso della settimana abbiamo passato una tranquilla serata nei pressi del vicino Lago di San Vito ed abbiamo vissuto due impegnative camminate tra boschi, ripide salite e stretti sentieri, trovando ristoro presso il Rifugio San Marco (m 1823), il Rifugio Scotter (m 1580) e, per i più arditi, il Rifugio Galassi (m 2018). Intensi sono stati i momenti di preghiera all’esterno della nostra casa, intorno ad una croce illuminata da candele o seduti con gli occhi al cielo ad ammirare lo spettacolo delle stelle, che in ambienti tali sembrano quanto mai vicine a noi.

Questa settimana è stata senza ombra di dubbio fonte di ricchezza per tutti noi che vi abbiamo preso parte: ha creato e rafforzato legami di affetto ed amicizia, ci ha insegnato la bellezza dello stare insieme ascoltandosi ed aiutandosi, e ci ha aiutati nel nostro percorso di Fede e di vita “in rotta con Gesù”, come recita lo slogan del camposcuola.