Parrocchia di Cerea
comunità parrocchiale di cerea
San Zeno in Santa Maria Assunta
 
 
Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
 

Vista l'ordinanza del Prefetto che stabilisce la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado a causa dell'allerta maltempo nella giornata di domani martedì 30 ottobre, la parrocchia si rende disponibile ad accogliere bambini e ragazzi delle scuole primaria e secondaria di primo grado per una giornata di svago, attività e cultura.
A partire dalle ore 7,45 accoglieremo bambini e ragazzi alla casa della gioventù, accompagnati da un adulto che effettuerà l'iscrizione alla giornata: chiediamo un'offerta di € 2 fino alle 12,15; € 5 fino alle ore 15,30 con pranzo compreso.
Considerate le motivazioni della sospensione delle lezioni, chiediamo che usufruiscano di questa possibilità solamente le famiglie in reale difficoltà con la gestione dei figli in orario scolastico.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la parrocchia, anche via sms o whatsapp, al numero: 3493418375

Gdc 6, 11-24; Sal.84; Mt 19, 23-30. ||| In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».