Parrocchia di Cerea
comunità parrocchiale di cerea
San Zeno in Santa Maria Assunta
 
 
Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
 

Quest'anno nel chiostro della canonica in un ambiente coperto e accogliente sarà rappresentata la natività. L'ambientazione curata da un bel gruppo di volontari rappresenta un abitato storico della Palestina del tempo sotto la dominazione romana, vi sono alcuni negozi e alcune botteghe artigiane. All'ingresso come primo personaggio si trova il pubblicano che riscuote le tasse per conto dei romani, subito dopo, girando a sinistra, si trovano rispettivamente la sinagoga e un tempietto romano. Si prosegue attraversando la bottega dei venditori di stoffe e quella dei venditori di spezie, che vorrebbero ricreare, assieme alla bancarella degli oli e profumi il suk, il mercato arabo.
Il territorio è prevalentemente deserto di roccia, visibile attraverso il porticato nella zona delle botteghe artigiane dove si trovano il vasaio, il falegname e il fabbro. Proseguendo si incontrano il pescivendolo e il panettiere dove potrete vedere il tipico pane arabo in tutte le sue forme. La natività è inserita in una calda stalla adiacente ad un fienile, con qualche animale. Il percorso termina con il banco del censimento presso il quale tutti i visitatori possono registrarsi.

DATE DI APERTURA:
24 Dicembre ore 24 Inaugurazione dopo la Santa Messa
25 Dicembre dalle 16 alle 19.30

26 Dicembre dalle 16 alle 19.30
28 Dicembre dalle 16 alle 19.30
04 Gennaio dalle 16 alle 19.30
06 Gennaio arrivo dei Magi alle ore 15.30 a cavallo con doni d'oro per tutti i bambini

Il presepe viene allestito all'interno del chiostro della canonica, accessibile attraverso il cortile della casa della gioventù in via Mons. Dario Cordioli. All'esterno i visitatori saranno accolti dal canto dei cori parrocchiali e da un buon bicchiere di brulè caldo o thè.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – Fausto cell. 3407019551

Si ringraziano quanti hanno reso possibile la realizzazione di questo evento nella speranza che possa essere un bel momento di aggregazione e di riflessione sul significato più vero del Natale.

At 4, 32-35; Sal.117; 1 Gv 5, 1-6; Gv 20, 19-31. ||| La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.