Parrocchia di Cerea
comunità parrocchiale di cerea
San Zeno in Santa Maria Assunta
 
 
Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
 
Ci siamo riuniti la sera del 24 gennaio 2011, noi ministri straordinari dell'Eucaristia, con don Giorgio, nella sala della Comunità presso la Casa della Gioventù.
Per introdurre il discorso è stato letto il brano dagli atti degli Apostoli (3, 1-10), nel quale è narrato l'avvenimento di Pietro e Giovanni, che, in nome di Gesù Cristo, guariscono uno storpio alla porta del tempio.
Don Giorgio ci ha ricordato le caratteristiche della comunità cristiana, che costituiscono il senso di una chiesa: ascoltare l'insegnamento degli apostoli, vivere l'Eucaristia nell'unione fraterna, pregare; se manca uno di questi pilastri, viene a mancare la comunione vera con Dio e coi fratelli.
Il nostro primo compito è portare l'Eucaristia ai malati. Anche noi andiamo dalle persone malate come Pietro e Giovanni. I malati ci chiedono qualcosa e si aspettano di ricevere da noi affetto disponibile, serenità e coraggio; soprattutto desiderano l'Eucaristia. La risposta di Pietro allo storpio è stata: "Cammina, nel nome di Gesù". Anche noi diciamo "cammina" spiritualmente. Accompagnamo le persone all'incontro con Gesù.
Noi chiediamo allo Spirito Santo che ci innamori di Gesù Eucaristico. Offriamo Gesù: ricevi l'Eucaristia che diventa per te forza, cammino spirituale unito a Cristo, sostegno nella sofferenza.
Il primo miracolo è il cambiamento del nostro cuore, se lo chiediamo a Gesù e se lo vogliamo, con l'aiuto di Maria sua e nostra madre.
Ci vuole tanto amore al Signore e ai fratelli, quando andiamo dagli ammalati!
Anche giovani malati amano ricevere Gesù; c'è in loro questo desiderio. Gesù fa grandi cose nelle anime. Gesù ha detto: "Venite a me voi tutti che siete affaticati e oppressi; io vi ristorerò" (Matteo 11, 28).Vogliamo dare Gesù alle persone malate volgendo a loro il nostro sguardo di amore.