Parrocchia di Cerea
comunità parrocchiale di cerea
San Zeno in Santa Maria Assunta
 
 
Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
 

Domenica 19 gennaio 2014 nel pomeriggio, il Vescovo ha incontrato a Bovolone i Cresimandi con le loro famiglie, in vista della S. Cresima che sarà celebrata il 6 aprile prossimo.
Il Vescovo ha posto alcune domande con le quali ha coinvolto tutti, e a queste ha cercato di dare una risposta con la propria testimonianza.

"Io chi sono ?" A questa domanda il Vescovo ha risposto affermando che ognuno di noi è un prodigio, un miracolo. Noi esistiamo perché prima di noi ci sono stati i nostri genitori, che se non si fossero incontrati in un certo momento della vita, noi non saremmo qui: ecco la bellezza di essere sposi che donano la vita ad altre persone.
Cit.: "Cari genitori, avete dato la vita ai vostri figli quando li avete portati al fonte battesimale. Avete una grande responsabilità. Il Battesimo è essere immersi nell'amore di Dio. Il nostro habitat è il grembo di amore di Dio. Non siamo mai soli. Ricordiamoci che siamo amati da Dio, siamo come pesci nel mare del suo amore"

"Chi sono stato?" E' compito dei genitori guardare al proprio passato e chiedersi cosa abbiano dato concretamente ai figli; infatti un figlio viene generato continuamente ed ora è il momento di aiutarlo spiritualmente a crescere come persona e soprattutto come cristiano.

"Chi sono adesso?" Nella sua perfezione Dio ci ha creati perfetti, armoniosi , il miracolo della vita si compie in tutti noi, tenendo conto dell'identità di ciascun individuo e della differenza tra ragazzi e ragazze che si devono rispettare reciprocamente. Perché tutti hanno delle risorse immense e una splendida volontà che fa sprigionare l'intelligenza.
Con la Cresima lo Spirito Santo scenderà su di voi e vi colmerà con i suoi sette doni, perché possiate crescere bene: come le gemme germogliano a primavera, così anche voi state germogliando.

"Chi è lo Spirito Santo?" Lo Spirito Santo è l'amore tra Dio Padre e il Figlio, dunque all'interno della vostra famiglia siate come lo Spirito Santo: infatti come lo Spirito unisce il Padre e il Figlio portando la Gioia, allo stesso modo siate voi la gioia per i vostri genitori.
Con la Cresima lo Spirito Santo manda i suoi doni per rendervi delle grandi persone.

"Chi vuoi diventare?" Ognuno di noi è unico al mondo e quindi dobbiamo diventare le persone migliori possibili: non lasciatevi rovinare da una vita insignificante, dalla droga, dal bullismo, dal gioco d'azzardo! Accogliete i dodici frutti dello Spirito: amore, la ricchezza più grande di tutte, senza si vive infelici, pace, gioia, pazienza, benevolenza, bontà, mitezza, dominio di sé, fedeltà, moderazione, castità e umiltà.

"Chi sarete?" Sarete ciò che volete diventare: con responsabilità ognuno deve seguire la propria vocazione, che sia laica o religiosa, accogliendo le dodici qualità di cui fa dono lo Spirito Santo. Siate esigenti con voi stessi, non fermatevi dopo la Cresima, continuate a crescere nella Fede con l'aiuto dei genitori e della parrocchia.

Il tutto si è concluso poi con una benedizione di tutti i presenti e, con l'invocazione della protezione di Maria.