Parrocchia di Cerea
comunità parrocchiale di cerea
San Zeno in Santa Maria Assunta
 
 
Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
 

Il Tran Tran è un’esperienza di vita comunitaria in Casa Don Bosco riservata alle classi quarte della scuola “Da Vinci”. Appena sono venuti a parlarcene a scuola alcuni animatori, subito io e i miei compagni ci siamo entusiasmati per questa idea. Quindi nella settimana dall’1 al 6 dicembre siamo stati impegnati in questa attività; mi dispiace che non tutta la classe abbia partecipato, infatti eravamo in 7 tutti maschi. Durante la settimana ci siamo conosciuti meglio, ho scoperto caratteri che non sapevo su alcuni miei compagni, inoltre il filo conduttore di tutta la settimana è stato il tema del Tempo, che è stato approfondito con diverse attività, una più bella dell’altra. I nostri animatori erano fantastici, con loro si parlava, si scherzava ma soprattutto partivano i tornei “ignoranti” di calcetto. Il ricordo più bello che mi rimarrà impresso è quello della preparazione delle cene, siccome eravamo noi che dovevamo cucinare, dalle sei la cucina diventava un ambiente di casa, c’era chi preparava la tavola, chi cucinava che neanche grandi chef stellati e chi metteva la musica per rendere il clima ancora più di festa. Le foto sono state la chiave della settimana, siccome un mio compagno ha portato la macchina fotografica ogni minuto era buono per scattare qualche foto, alla fine per scrivere il libro del Tran Tran abbiamo impiegato un’ora solo per cercare le foto più significative, per far vedere a chi verrà dopo di noi la nostra fantastica settimana.

Matteo

Ger 18,18-20; Sal.30; Mt 20, 17-28. ||| In quel tempo, mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà».
Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di' che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dòminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».